La chiave della speranza

 

di Lisabetta Raffaetà

A tutti gli uomini, donne e bambini detenuti ingiustamente in luoghi infernali.

Vent’anni sono uno spazio lungo da riempire, come un viaggio in una stanza chiusa dove non c’è mai giorno o notte ma solo sera, una sera che non finisce mai. E tu?

Tu sei seduto su una panca di fronte ad una parete e fuori la vita, un fiume in piena che scorre, non aspetta nessuno, ma tu rimani dove sei sempre stato.

Le hai provate tutte per andartene.  Ogni volta ti hanno ripreso.

Dopo ogni fuga o protesta è stato peggio: più isolamento, più costrizioni, più anni da scontare. I legami con l’esterno poi, dopo ogni fuga, si sono allentati fino a spezzarsi.

Oro esistono solo queste pareti e questi corridoi e non pensi più a fuggire, non sei interessato a quello che accade fuori. La libertà per te non esiste nemmeno come parola.

Ti lasci vivere qua dentro. Leggi tutto “La chiave della speranza”

Urlo

 

di  Lisabetta Raffaetà

Urlo

dove parola non c’è più

Urlo

a chi non vede oltre,

solo caos e resti di morte.

Urlo

col silenzio addosso forte.

Urlo

dove la speranza non ha volo

dove i venti sono solo gelidi

dove i bimbi non hanno canti,

dove i paesi sono solo rovine.

Urlo

a questo presente di solo dolore

Urlo

contro un mondo educato alla guerra,

contro un mondo genuflesso al potere.

 

 

 

 

Oltre ogni insulto o danno, essere fedeli a se stessi

di Lucrezia Pierucci

Marco Aurelio Antonino Augusto, meglio conosciuto semplicemente come Marco Aurelio, è stato un imperatore romano e un filosofo stoico. Fu rispettoso delle istituzioni repubblicane e affidò ai senatori incarichi e funzioni giudiziarie escludendo persone equivoche, favorendo invece anche i poco abbienti purché meritevoli.

Lo stoicismo è una corrente filosofica e spirituale, di impronta razionale, fondata intorno al 300 a.C. ad Atene da Zenone di Cizio. Insieme all’epicureismo e allo scetticismo, lo stoicismo rappresentò una delle maggiori scuole filosofiche dell’età ellenistica. Tale filosofia prende il suo nome dalla Stoà Pecìle di Atene o «portico dipinto» dove Zenone impartiva le sue lezioni. Leggi tutto “Oltre ogni insulto o danno, essere fedeli a se stessi”

Te ne sei andato via Enea

di Silvia Barsotti

Mi ricordo di quando sei sbarcato a Cartagine, nella mia patria, la terra che fondai dopo essere fuggita da mio fratello, colui che uccise mio marito. Quando vi arrivai, mi trovai disorientata, non ero da sola, ma in un certo senso era come se lo fossi; non mi fidavo di loro, quegli uomini che si erano lasciati corrompere soltanto alla visione di donne e oro: avevano già voltato le spalle a mio fratello, avrebbero potuto fare la stessa cosa con me. Decisi che avrei dovuto dare vita ad una nuova città; insieme a colui a cui avevo donato il mio cuore, mi era stato portato via tutto: la mia patria, la cosa a me più cara. Leggi tutto “Te ne sei andato via Enea”